Come cancellare la cronologia delle ricerche ?

Come cancellare la cronologia delle ricerche ?

Vuoi cancellare la cronologia delle tue ricerche ? Bene ora ti spiego come cancellare la cronologia delle ricerche.

Come cancellare la cronologia delle ricerche

Cancellare la cronologia delle ricerche è importante?

Cancellare la cronologia delle ricerche permette di mantenere al sicuro le informazioni personali relative alla navigazione nel web.

La maggior parte dei browser internet e dei motori di ricerca integra una funzionalità che permette di cancellare la cronologia di tutti i dati memorizzati relativi a una sessione di navigazione internet.

1° Metodo (eliminare ricerche su Facebook)

-Esegui l’accesso al tuo account di Facebook, quindi seleziona il link “Home” situato nell’angolo superiore destro della pagina;

-Clicca all’interno della barra di ricerca, quindi seleziona la voce “Modifica” apparsa nell’angolo superiore destro del riquadro relativo alle ricerche recenti;

-Seleziona il link “Cancella ricerche” posto nell’angolo superiore destro della pagina, quindi premi il pulsante “Cancella ricerche” per confermare la tua scelta.

In questo modo, la cronologia delle ricerche effettuate su Facebook verrà eliminata.

2° Metodo (eliminare ricerche su Instagram da Smartphone)

-Avvia l’app di Instagram, quindi tocca l’icona caratterizzata da una silhouette umana stilizzata;

-Premi il pulsante “Menu“. Sui dispositivi iOS è caratterizzato da un ingranaggio, mentre sui dispositivi Android da tre puntini allineati verticalmente.

-Scorri il menu apparso verso il basso per individuare e selezionare l’opzione “Cancella la cronologia delle ricerche”.

3° Metodo (eliminare cronologia da Google Chrome)

-Avvia Google Chrome, quindi accedi al menu principale del browser premendo il relativo pulsante posto nell’angolo superiore destro della pagina;

-Scegli l’opzione “Cronologia”, quindi seleziona nuovamente la voce “Cronologia” dal menu secondario apparso;

-Seleziona il link “Cancella dati di navigazione“, quindi scegli l’intervallo di tempo di cui desideri eliminare le informazioni;

-Seleziona il pulsante di spunta “Cronologia di navigazione“, quindi premi il pulsante “Cancella dati di navigazione”.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina di Facebook.

PosteMobile Creami Revolution (Articolo)

PosteMobile Creami Revolution

Che cos’è PosteMobile Creami Revolution ? Leggi l’articolo riportato qui sotto per maggiori informazioni.

PosteMobile Creami Revolution

Se stai cercando una tariffa interessante che riguardi (le chiamate, Internet e gli Sms) allora Creami Revolution fa per te.

PosteMobile è un operatore telefonico virtuale che nel giro di breve tempo ha conquistato la fiducia di molti, anzi moltissimi italiani: precisamente ben 3,5 milioni.

PosteMobile si basa sulla rete Wind e fa capo al gruppo Poste Italiane.

L’offerta è disponibile in tre varianti, ciascuna delle quali con una frequenza di rinnovo differente, ed è basata su un sistema di credit.

Per quel che concerne i costi, invece, la cifra da pagare risulta essere tanto più bassa quanto minore è la frequenza di rinnovo scelta.

Come funziona Creami Revolution ?

PosteMobile Creami Revolution è un’offerta tariffaria strutturata in tre varianti.

Tutte le versioni offrono sempre il medesimo numero di credit e di GB ma si estinguono tra loro per la frequenza di rinnovo e per i costi.

  • Revolution 1 – È previsto 1 rinnovo al costo di 12 euro. Clicca qui per visualizzare il prospetto informativo.
  • Revolution 3 – Sono previsti 3 rinnovi al costo complessivo di 30 euro (quindi 10 euro cadauno). Clicca qui per visualizzare il prospetto informativo.
  • Revolution 6 – Sono previsti 6 rinnovi al costo complessivo di 48 euro (quindi 8 euro cadauno). Clicca qui per visualizzare il prospetto informativo.

Il rinnovo di ciascun piano avviene ogni 4 settimane ed il pagamento è anticipato, tramite il credito presente sulla SIM.

Nota Bene: Non è necessario disporre di carte di credito.

Per la navigazione internet saranno scalati prima i GB inclusi nell’offerta e, una volta terminati, i credit ancora disponibili.

In caso di esaurimento dei credit a disposizione vengono invece applicate le tariffe extrasoglia corrispondenti a 18 cent/min per le chiamate, 12 cent/SMS per i messaggi di testo e 50,41 cent/MB per la navigazione in Internet.

In caso di credito insufficiente per il rinnovo del Piano CREAMI Revolution 3 e 6 sarà invece attivato il Piano CREAMI Revolution 1.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina di Facebook.

Come convertire PowerPoint in Pdf (Articolo)

Come convertire PowerPoint in Pdf

Devi convertire un documento PowerPoint in formato Pdf? Se è così leggi qui e ti spiego come convertire PowerPoint in Pdf.

Come convertire PowerPoint in Pdf

In rete esistono molti programmi interessanti che ti permettono di convertire i file PowerPoint in formato Pdf e te ne mostro alcuni.

Convertire i file direttamente da Power Point

Se utilizzi una versione di Office pari o superiore alla 2007, puoi esportare le tue presentazioni in PDF facendo clic su File, seleziona Esporta e Crea documento PDF/XPS.

In alternativa puoi andare nel menu File > Salva con nome e selezionare l’opzione PDF dal menu a tendina Salva come.

Convertire i file senza Power Point

In mancanza di Office, o di una versione di Office che supporta l’esportazione dei documenti in formato PDF, è possibile rivolgersi a LibreOffice.

LibreOffice è una straordinaria suite per la produttività, gratuita e open source, compatibile con tutti i file di Microsoft Office.

LibreOffice è disponibile per Windows, Mac e Linux.

Per scaricarla sul tuo PC, collegati al suo sito ufficiale e clicca sul pulsante Scaricate la versione x.x.x.

Apri il pacchetto d’installazione del software e completa il setup cliccando su Avanti (per due volte), poi su Installa, Si e Fine.

Convertire PowerPoint in PDF online

Non ti va di installare altri programmi sul tuo PC? Nessun problema.

Esistono dei servizi online che consentono di trasformare le presentazioni di PowerPoint in documenti PDF direttamente dal browser.

La prima tra le risorse online che ti consiglio di utilizzare per lo scopo in questione è CloudConvert.

È in grado di elaborare quasi ogni genere di file, non solo i documenti di Office, e non richiede registrazioni per poter funzionare.

Per utilizzarlo, collegati alla sua pagina iniziale e trascina nella finestra del browser tutti i file di PowerPoint che desideri trasformare in PDF.

Un altra risorsa interessante si chiama Online2Pdf.

Online2Pdf è un altro servizio Web che permette di convertire PowerPoint in PDF in maniera totalmente gratuita e non richiede nessuna registrazione.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina di Facebook.

Wanna Cry Ransomware Come Proteggersi

Wanna Cry Ransomware

Hai sentito parlare di Wanny Cry? Se è così leggi l’articolo sul virus Wanna Cry Ransomware.

Wanna Cry Ransomware

WannaCry, chiamato anche WanaCrypt0r 2.0, è un Worm, di tipologia Ransomware, responsabile di un’epidemia su larga scala avvenuta nel maggio 2017.

Che cos’è un Ransomware?

Un ransomware è un tipo di malware che limita l’accesso del dispositivo che infetta, richiedendo un riscatto (ransom in Inglese) da pagare per rimuovere la limitazione.

Ad esempio alcune forme di ransomware bloccano il sistema e intimano l’utente a pagare per sbloccare il sistema, altri invece cifrano i file dell’utente chiedendo di pagare per riportare i file cifrati in chiaro.

Il 12 maggio 2017 il malware ha infettato i sistemi informatici di numerose aziende e organizzazioni in tutto il mondo, tra cui Portugal Telecom, Deutsche Bahn, FedEx, Telefónica, Tuenti, Renault, il National Health Service, il Ministero dell’interno russo, l’Università degli Studi di Milano-Bicocca.

Come agisce Wanna Cry?

WannaCry sfrutta una vulnerabilità di SMB tramite un exploit chiamato EternalBlue, sviluppato dalla National Security Agency statunitense per attaccare sistemi informatici basati sul sistema operativo Microsoft Windows.

EternalBlue era stato rubato da un gruppo di hacker che si fanno chiamare The Shadow Brokers e pubblicato in rete il 14 aprile 2017.

Il malware viene diffuso attraverso finte email e, dopo che viene installato su un computer, comincia a infettare altri sistemi presenti sulla stessa rete e quelli vulnerabili esposti a internet, che vengono infettati senza alcun intervento dell’utente.

Quando infetta un computer, WannaCry cripta i file bloccandone l’accesso e aggiunge l’estensione .WCRY; impedisce inoltre il riavvio del sistema.

A quel punto, in un file denominato @[email protected] è presente una richiesta di riscatto, inizialmente di 300 dollari ma poi elevati a 600, che l’utente deve pagare in bitcoin per avere lo sblocco dei file.

Come proteggersi da WannaCry ?

Per proteggersi da Wanna Cry scaricare gli aggiornamenti cliccando QUI.

Gli aggiornamenti sono disponibili per Windows 8.1 – Windows 10 – Windows 7 e Windows XP.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina di Facebook.

Come proteggersi dai Virus Malware (Articolo)

Come proteggersi dai Virus Malware

Vuoi evitare i Malware? Se è cosi leggi la guida sotto e ti spiego come proteggersi dai virus Malware.

Come proteggersi dai Virus Malware

Malware indica un qualsiasi programma informatico usato per disturbare le operazioni svolte da un computer, rubare informazioni sensibili, accedere a sistemi informatici privati, o mostrare pubblicità indesiderata.

Il termine malware è stato coniato nel 1990 da Yisrael Radai, precedentemente veniva chiamato virus per computer; in italiano viene anche comunemente chiamato codice maligno.

La miglior arma per difendersi da virus, spyware e altri malware è il cervello: se si fa attenzione ai siti che si visitano, si scaricano applicazioni solo da fonti attendibili e non si aprono in maniera indiscriminata tutti gli allegati che si ricevono sulla posta elettronica si possono dormire sonni tranquilli.

Come riconoscere che il computer è infetto ?

La lentezza del computer è spesso sintomo di possibili infezioni, così come popup, spam e frequenti arresti anomali. Per verificare se un dispositivo sia infetto, è possibile utilizzare uno scanner anti-malware.

Come rimuovere il Malware ?

Il modo migliore per liberarsi dal malware consiste nell’utilizzare uno strumento di rimozione affidabile, come quelli disponibili nelle migliori soluzioni anti-malware.

Avast Free Antivirus e anti-malware rimuove in modo semplice e rapido qualsiasi malware dai dispositivi, per scaricarlo cliccate QUI.

Qual’è lo scopo dei Malware ?

Oggi il malware viene usato sia da Black hat che dai governi, per rubare informazioni personali, finanziarie o d’affari.

Il malware viene usato a volte anche contro enti governativi o siti web aziendali, per carpire informazioni riservate o per interferire con le loro operazioni.

Con l’avanzare dello sviluppo di internet e la crescita degli utenti collegati, il malware è sempre più stato usato per fini di lucro.

Fin dal 2003, la maggior parte dei virus e worm sono stati creati per prendere il controllo del computer dell’utente vittima, per scopi illeciti.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina di Facebook.

Come eliminare l’odore di fumo dai vestiti

Come eliminare l’odore di fumo dai vestiti

I tuoi vestiti sanno odore di fumo e vuoi eliminarlo? Bene ora ti spiego come eliminare l’odore di fumo dai vestiti.

Come eliminare l'odore di fumo dai vestiti

Eliminare l’Odore di Fumo dai Vestiti con un Lavaggio

1) Fai riempire la lavatrice di acqua. Usa la temperatura più alta prevista sull’etichetta dei vestiti.

2) Aggiungi una tazza di aceto bianco. L’acidità del prodotto contribuisce a rompere le molecole di fumo e catrame che causano l’odore sgradevole.

Per una maggiore efficacia, puoi anche aggiungere una tazza di bicarbonato alla soluzione.

3) Immergi i vestiti nella soluzione e lasciali in ammollo per almeno un’ora.

Se non hai la possibilità di riempire la lavatrice di acqua per fare un preammollo, usa una bacinella grande, il lavandino o la vasca, quindi trasferisci gli indumenti in lavatrice per lavarli.

In alternativa, aggiungi semplicemente dell’aceto e del bicarbonato durante il lavaggio, usando un programma di prelavaggio (nel caso la lavatrice lo preveda).

4) Aggiungi il detersivo e procedi con il lavaggio normale. Annusa i vestiti alla fine del ciclo: se hanno ancora cattivo odore, ripeti il procedimento.

5) Asciugali all’aria aperta, se possibile. Se lo desideri, spruzzali innanzitutto con uno spray elimina-odori. Se usi l’asciugatrice, aggiungi uno o più fogli antistatici.

6) Controlla che la lavatrice non si sia impregnata dell’odore di fumo.

Potresti doverla ripulire, soprattutto nel caso in cui sia nuova e ad alto rendimento.

Segui le istruzioni specifiche per la tua lavatrice, oppure ripeti il procedimento consigliato senza inserire i vestiti.

Eliminare l’odore insachettando i vestiti

1) Sistema i vestiti in una borsa di plastica molto grande con chiusura a zip, oppure usane una che puoi legare o chiudere con il nastro adesivo.

2) Inserisci dei fogli antistatici per l’asciugatrice all’interno della borsa. Usane uno per ogni 1-2 indumenti.

3) Sigilla la borsa, aspetta quindi sostituisci i fogli, se necessario.

4) Prova ad aggiungere del bicarbonato nella borsa, invece dei fogli antistatici, oppure usali entrambi.

Il bicarbonato è un ottimo assorbi-odori ed è per questo motivo che alcune persone ne mettono una scatola aperta dentro il frigorifero.

Infine devi arieggiare i vestiti: appendili all’esterno.

Può sembrare un consiglio banale, ma qualche volta il metodo più semplice è proprio quello che fa per te. Lascia che l’aria aperta e il tempo facciano il proprio lavoro.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina di Facebook.

Come fare trucchi di magia con le carte (Articolo)

Come fare trucchi di magia con le carte

Vuoi fare dei trucchi di magia? Se è così leggi l’articolo e ti spiego come fare trucchi di magia con le carte.

Come fare trucchi di magia con le carte

Trucchi di Magia

La magia richiede astuzia, rapidità e precisione. Richiede anche molta pratica, perciò non scoraggiarti se non riesci a far sparire elefanti al primo tentativo.

1) Portare la Carta in Cima al Mazzo

Ogni prestigiatore professionista sa come meravigliare il proprio pubblico rivelando “magicamente” una carta in cima al mazzo che era stata apparentemente mescolata nel mezzo.

-Prendi due carte dalla cima del mazzo e tienile insieme (così sembrerà che tu abbia preso solo una carta);

-Infila una carta direttamente sotto la prima carta del mazzo mentre lo tieni dietro la schiena solo per un attimo;

2) Chiedi ad una persona di prendere una carta e di farla vedere a tutti.

Mettila sotto la prima carta mentre hai il mazzo dietro la schiena per un momento magico, dove nessuno può vedere.

3) Mostra il mazzo e prendi le prime due carte come se ne prendessi solo una.

Mostra al pubblico solo la carta che sta sotto, come se ne avessi preso una sola.

4) Chiedi alla persona che ha scelto la carta se: “È questa la tua carta?”

Poi rimettile entrambe in cima al mazzo una volta che il volontario ha risposto affermativamente.

5) Prendi la prima carta e mettila in qualunque punto del mazzo. Il pubblico crederà che si tratti della carta che hai mostrato.

6) Spiega che riporterai la carta in cima al mazzo. Fai un gesto teatrale con la mano per enfatizzare il trucco.

7) Gira la prima carta dicendo “Voila!”. Sarà la carta che il pubblico si aspetta. Questo trucco non richiede molta pratica, ma può comunque stupire.

In rete troverai molti altri trucchi semplicemente scrivendo “Trucchi di magia” usando il mitico motore di ricerca Google.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina di Facebook.

Gta 6 Data di uscita e anticipazioni (Articolo)

Gta 6 Data di uscita e anticipazioni

Se vuoi saperne di piu’ su GTA 6 leggi l’articolo Gta 6 data di uscita e anticipazioni.

Gta 6 Data di uscita e anticipazioni

Quando uscirà GTA 6 ?

Questa è la domanda che si pongono tutti gli appassionati di uno dei videogiochi più iconici degli anni Duemila, e la risposta continua a tenere migliaia di fan sulle spine.

La RockStar Games ha creato una saga amata da tutti. Cerchiamo di capire quando vedremo il sesto episodio di Grand Theft Auto e quando potremo averlo a disposizione sulle consolle.

Quest’anno ricorrono i vent’anni dal lancio del primo GTA, ma sicuramente la RockStar Games non festeggerà con il rilascio del nuovo episodio, rimandando la ricorrenza a data da destinarsi.

Purtroppo ancora non si conosce una data di uscita precisa e ufficiale da segnare sul calendario, ma si presuppone che sarà ancora lunga da aspettare nonostante voci di corridoio e rumors affidabili.

Rispetto ai piani iniziali sembra che la Rockstar abbia deciso di rallentare lo sviluppo del nuovo GTA a vantaggio di Red Dead Redemption 2, videogioco in uscita nell’autunno del 2017.

Una delle probabili novità di GTA 6 è che ci sarà la comparsa di un personaggio femminile.

Quando uscirà GTA 6 per PS4 e Xbox One ?

Al momento nessuno sa lo stato di avanzamento dei lavori, ma per immaginare una data d’uscita ci possiamo fare qualche idea guardando ai lanci dei capitoli precedenti.

Dopo il successo di San Andreas abbiamo dovuto aspettare 4 anni per vedere arrivare GTA 4, e addirittura altri 5 anni per giocare a Grand Theft Auto 5.

Su questa base, considerando che il capitolo più recente è già uscito da quasi quattro anni, non è impossibile immaginare l’uscita di GTA 6 nel 2018 ma alcuni esperti fissano la data d’uscita addirittura al 2020.

Le uniche dichiarazioni di Leslie Benzies, ex presidente della RockStar Games, hanno sconfortato i fan: probabilmente bisognerà aspettare davvero diversi anni, dato che “Non sappiamo come sarà, ma abbiamo qualche idea”.

A questo punto, salvo colpi di scena, sarebbe plausibile attendersi l’uscita del videogioco anche nel 2020.

Se l’uscita dovesse essere rinviata al 2020, è lecito aspettarsi grandi novità nel gameplay e nelle missioni, con un maggiore livello di interattività e libertà del protagonista e del giocatore, con nuovi trucchi sempre più incredibili.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina di Facebook.

Che cos’è un drone ? Articolo Recensione

Che cos’è un drone ?

Molti di voi si chiederanno qual’è il significato di Drone? Ora vi spiego in breve che cos’è un drone.

Che cos'è un drone

Un aeromobile a pilotaggio remoto comunemente noto come drone, è un velivolo caratterizzato dall’assenza del pilota umano a bordo.

Il suo volo è controllato dal computer a bordo del velivolo, sotto il controllo remoto di un navigatore o pilota, sul terreno o in un altro veicolo.

L’inclusione del termine aeromobile sottolinea che le operazioni devono rispettare le stesse regole e le procedure degli aerei con pilota ed equipaggio di volo a bordo.

Il loro utilizzo è ormai consolidato per usi militari e crescente anche per applicazioni civili, ad esempio in operazioni di prevenzione e intervento in emergenza incendi, per usi di sicurezza non militari, per sorveglianza di oleodotti, con finalità di telerilevamento e ricerca.

La Storia

Il primo tentativo di costruire e utilizzare un velivolo senza pilota, del quale si possa trovare traccia nella storia, risale al 1849, quando gli Austriaci attaccarono la città di Venezia utilizzando dei palloni caricati di esplosivo: alcuni di questi sistemi vennero lanciati dalla nave austriaca Vulcano.

I successivi esempi e prototipi di velivoli senza pilota fecero la loro comparsa durante la prima guerra mondiale: ne è un esempio l’”Aerial Target” nel 1916, che veniva controllato mediante tecniche di radio controllo.

In Italia si cercò di sviluppare sin dagli anni sessanta questo tipo di velivoli.

Il primo modello utilizzato dall’Esercito Italiano fu il CL – 89, o AN USD 51, prodotto dalla Canadair, in servizio fino al 2000, presso il 13° GRACO a Verona e successivamente presso il 41º Gruppo specialisti artiglieria “Cordenons” a Casarsa (PN).

L’Esercito ha poi sviluppato in collaborazione con Meteor CAE il Mirach 20 (1985 – 2002), velivolo ad ala fissa con telecamera con un raggio d’azione di circa 120 km e prodotto dalla PAI di San Diego (California).

Regolamenti e normativa

Il panorama normativo inerente alla materia è eterogeneo ed è composto dalla normativa internazionale, da quella comunitaria e da quella nazionale.

Il rapporto tra queste fonti è di tipo gerarchico quindi quanto disposto da una fonte normativa inferiore soccombe in presenza di disposizioni normative di una fonte superiore.

Se volete saperne di più visitate il sito Wikipedia cliccando QUI.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina di Facebook.

Come fare bene un Selfie (Articolo)

Come fare bene un Selfie

Vuoi fare un selfie ma non sai come farlo? Bene ora ti spiego come fare bene un Selfie.

Come fare bene un Selfie

Il selfie perfetto è possibile. La pratica dell’autoscatto con lo smartphone ha contagiato tutti, dalle star ai politici fino agli animali.

Fare un buon selfie, però, non è facile: ci vogliono pazienza e dedizione per riuscire a ottenere l’effetto desiderato.

1) Scegliete il profilo migliore

Per ottenere un selfie che non passi inosservato bisogna trovare l’angolazione giusta per il proprio viso.

2) Utilizzate la fotocamera sul retro

Gli smartphone sono dotati di due fotocamere, una sopra lo schermo, una sul retro.

La fotocamera sul retro ha una risoluzione migliore.

3) Fate attenzione all’ambiente che vi circonda

Quando decidete di farvi un selfie fate attenzione a ogni dettaglio.

Non importa solo venire bene, vanno considerati anche gli elementi in secondo piano.

Un selfie con alle spalle il mare è di gran lunga più bello di uno realizzato in bagno.

4) Cercate la luce giusta (l’illuminazione è importante)

Che si tratti del sole o delle lampadine l’illuminazione è fondamentale per la buona riuscita di un selfie.

5) I selfie allo specchio? Si o no?

Secondo alcuni bisognerebbe evitare di pubblicare foto davanti allo specchio ma in realtà in molti ne fanno gran uso.

6) La bellezza del soggetto è importante

I selfie sono ormai un fenomeno universale che ha contagiato tutti.

Proprio per questo per farne di belli ci si deve distinguere.

7) Usate espressioni particolari

A volte fate qualche espressione particolare e potrebbe attirare di più.

8) Attenzione al fotoritocco

È consigliabile sempre editare la foto prima di pubblicarla.

Questo significa scegliere i filtri migliori per dare alla foto dei giochi di luci, ombre e colori in più.

L’importante è non esagerare. Meglio apparire con qualche chilo in più che non artificialmente magri.

9) Controllate il risultato finale

Prima di caricare la foto sui social, ricordatevi di controllare bene che tutto sia a posto: l’espressione del viso, i colori, i dettagli sullo sfondo.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina di Facebook.

1 48 49 50 51 52 86