Wanna Cry Ransomware Come Proteggersi

Wanna Cry Ransomware

Hai sentito parlare di Wanny Cry? Se è così leggi l’articolo sul virus Wanna Cry Ransomware.

Wanna Cry Ransomware

WannaCry, chiamato anche WanaCrypt0r 2.0, è un Worm, di tipologia Ransomware, responsabile di un’epidemia su larga scala avvenuta nel maggio 2017.

Che cos’è un Ransomware?

Un ransomware è un tipo di malware che limita l’accesso del dispositivo che infetta, richiedendo un riscatto (ransom in Inglese) da pagare per rimuovere la limitazione.

Ad esempio alcune forme di ransomware bloccano il sistema e intimano l’utente a pagare per sbloccare il sistema, altri invece cifrano i file dell’utente chiedendo di pagare per riportare i file cifrati in chiaro.

Il 12 maggio 2017 il malware ha infettato i sistemi informatici di numerose aziende e organizzazioni in tutto il mondo, tra cui Portugal Telecom, Deutsche Bahn, FedEx, Telefónica, Tuenti, Renault, il National Health Service, il Ministero dell’interno russo, l’Università degli Studi di Milano-Bicocca.

Come agisce Wanna Cry?

WannaCry sfrutta una vulnerabilità di SMB tramite un exploit chiamato EternalBlue, sviluppato dalla National Security Agency statunitense per attaccare sistemi informatici basati sul sistema operativo Microsoft Windows.

EternalBlue era stato rubato da un gruppo di hacker che si fanno chiamare The Shadow Brokers e pubblicato in rete il 14 aprile 2017.

Il malware viene diffuso attraverso finte email e, dopo che viene installato su un computer, comincia a infettare altri sistemi presenti sulla stessa rete e quelli vulnerabili esposti a internet, che vengono infettati senza alcun intervento dell’utente.

Quando infetta un computer, WannaCry cripta i file bloccandone l’accesso e aggiunge l’estensione .WCRY; impedisce inoltre il riavvio del sistema.

A quel punto, in un file denominato @[email protected] è presente una richiesta di riscatto, inizialmente di 300 dollari ma poi elevati a 600, che l’utente deve pagare in bitcoin per avere lo sblocco dei file.

Come proteggersi da WannaCry ?

Per proteggersi da Wanna Cry scaricare gli aggiornamenti cliccando QUI.

Gli aggiornamenti sono disponibili per Windows 8.1 – Windows 10 – Windows 7 e Windows XP.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina di Facebook.

Come proteggersi dai Virus Malware (Articolo)

Come proteggersi dai Virus Malware

Vuoi evitare i Malware? Se è cosi leggi la guida sotto e ti spiego come proteggersi dai virus Malware.

Come proteggersi dai Virus Malware

Malware indica un qualsiasi programma informatico usato per disturbare le operazioni svolte da un computer, rubare informazioni sensibili, accedere a sistemi informatici privati, o mostrare pubblicità indesiderata.

Il termine malware è stato coniato nel 1990 da Yisrael Radai, precedentemente veniva chiamato virus per computer; in italiano viene anche comunemente chiamato codice maligno.

La miglior arma per difendersi da virus, spyware e altri malware è il cervello: se si fa attenzione ai siti che si visitano, si scaricano applicazioni solo da fonti attendibili e non si aprono in maniera indiscriminata tutti gli allegati che si ricevono sulla posta elettronica si possono dormire sonni tranquilli.

Come riconoscere che il computer è infetto ?

La lentezza del computer è spesso sintomo di possibili infezioni, così come popup, spam e frequenti arresti anomali. Per verificare se un dispositivo sia infetto, è possibile utilizzare uno scanner anti-malware.

Come rimuovere il Malware ?

Il modo migliore per liberarsi dal malware consiste nell’utilizzare uno strumento di rimozione affidabile, come quelli disponibili nelle migliori soluzioni anti-malware.

Avast Free Antivirus e anti-malware rimuove in modo semplice e rapido qualsiasi malware dai dispositivi, per scaricarlo cliccate QUI.

Qual’è lo scopo dei Malware ?

Oggi il malware viene usato sia da Black hat che dai governi, per rubare informazioni personali, finanziarie o d’affari.

Il malware viene usato a volte anche contro enti governativi o siti web aziendali, per carpire informazioni riservate o per interferire con le loro operazioni.

Con l’avanzare dello sviluppo di internet e la crescita degli utenti collegati, il malware è sempre più stato usato per fini di lucro.

Fin dal 2003, la maggior parte dei virus e worm sono stati creati per prendere il controllo del computer dell’utente vittima, per scopi illeciti.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina di Facebook.

Che cos’è un drone ? Articolo Recensione

Che cos’è un drone ?

Molti di voi si chiederanno qual’è il significato di Drone? Ora vi spiego in breve che cos’è un drone.

Che cos'è un drone

Un aeromobile a pilotaggio remoto comunemente noto come drone, è un velivolo caratterizzato dall’assenza del pilota umano a bordo.

Il suo volo è controllato dal computer a bordo del velivolo, sotto il controllo remoto di un navigatore o pilota, sul terreno o in un altro veicolo.

L’inclusione del termine aeromobile sottolinea che le operazioni devono rispettare le stesse regole e le procedure degli aerei con pilota ed equipaggio di volo a bordo.

Il loro utilizzo è ormai consolidato per usi militari e crescente anche per applicazioni civili, ad esempio in operazioni di prevenzione e intervento in emergenza incendi, per usi di sicurezza non militari, per sorveglianza di oleodotti, con finalità di telerilevamento e ricerca.

La Storia

Il primo tentativo di costruire e utilizzare un velivolo senza pilota, del quale si possa trovare traccia nella storia, risale al 1849, quando gli Austriaci attaccarono la città di Venezia utilizzando dei palloni caricati di esplosivo: alcuni di questi sistemi vennero lanciati dalla nave austriaca Vulcano.

I successivi esempi e prototipi di velivoli senza pilota fecero la loro comparsa durante la prima guerra mondiale: ne è un esempio l’”Aerial Target” nel 1916, che veniva controllato mediante tecniche di radio controllo.

In Italia si cercò di sviluppare sin dagli anni sessanta questo tipo di velivoli.

Il primo modello utilizzato dall’Esercito Italiano fu il CL – 89, o AN USD 51, prodotto dalla Canadair, in servizio fino al 2000, presso il 13° GRACO a Verona e successivamente presso il 41º Gruppo specialisti artiglieria “Cordenons” a Casarsa (PN).

L’Esercito ha poi sviluppato in collaborazione con Meteor CAE il Mirach 20 (1985 – 2002), velivolo ad ala fissa con telecamera con un raggio d’azione di circa 120 km e prodotto dalla PAI di San Diego (California).

Regolamenti e normativa

Il panorama normativo inerente alla materia è eterogeneo ed è composto dalla normativa internazionale, da quella comunitaria e da quella nazionale.

Il rapporto tra queste fonti è di tipo gerarchico quindi quanto disposto da una fonte normativa inferiore soccombe in presenza di disposizioni normative di una fonte superiore.

Se volete saperne di più visitate il sito Wikipedia cliccando QUI.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina di Facebook.

Come usare joystick PS3 su PC (Guida)

Come usare joystick PS3 su PC

Vuoi usare il comando della Ps3 sul Computer? Se è così leggi l’articolo e ti spiego come usare joystick ps3 su Pc.

Come usare joystick PS3 su PC

Che cosa occorre?

Joystick per Ps3 (se non lo avete lo potete comprare anche online);

Cavo USB di ricarica (per ricaricare la batteria del Joystick);

Una volte che abbiamo tutto l’occorrente dovrai scaricare ed installare sul tuo computer il software MotioninJoy.

Procedimento Guidato

Ora che hai scaricato il software MotionJoy sul tuo computer puoi passare allo step successivo: effettuare l’installazione del programma.

  1. Estrai l’archivio ZIP che è stato scaricato sul tuo PC e poi fai doppio clic sul file in formato .exe presente all’interno dello stesso;
  2. Prosegui facendo clic sul pulsante Esegui annesso alla finestra visualizzata e poi su Si;
  3. fai clic sul pulsante Next > per quattro volte consecutive, poi su Install e per concludere su Finish;
  4. Aspetta fino a quando la finestra del programma risulta visibile sul desktop poi clicca sulla voce Driver Manager collocata in alto e fai clic sul pulsante Si presente nella nuova finestra visualizzata;

Configurazione di MotionJoy

Adesso collega il tuo joystick al computer utilizzando il cavo USB.

Attendi che il computer emetta il classico suono che notifica l’avvenuto collegamento del nuovo dispositivo poi dai uno sguardo alla finestra di MotionJoy.

Attendi che in corrispondenza della voce Hardware Location appaia una scritta del tipo Port_#0004.Hub_#0001.

Ora spunta la casella collocata di lato e clicca sul pulsante Load driver.

Attendi che vengano installati tutti i driver corretti per poter usare joystick PS3 su PC e poi fai clic sulla scritta Profiles.

Assicurati che sotto la voce Connected game controller sia presente il nome del tuo joystick.

Ora metti la spunta accanto alla voce Playstation 3 e clicca il pulsante Enable per confermare l’applicazione di tutte le impostazioni.

Adesso per usare joystick PS3 su PC non ti resta altro da fare se non avviare un qualsiasi gioco installato sul tuo computer.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina Facebook.

Cosa significa spammare (Articolo Teoria)

Cosa significa spammare ?

Che cosa significa Spammare ? Leggi l’articolo riportato qui sotto per saperne di più.

Cosa significa spammare

Qual’è il significato di Spam?

Lo spamming, detto anche spammare, è l’invio anche verso indirizzi generici, non verificati o sconosciuti, di messaggi ripetuti ad alta frequenza o a carattere di monotematicità tale da renderli indesiderati.

Qual’è lo scopo dello Spam?

Il principale scopo dello spamming è la pubblicità, il cui oggetto può andare dalle più comuni offerte commerciali a proposte di vendita di materiale pornografico o illegale, come software pirata e farmaci senza prescrizione medica, da discutibili progetti finanziari a veri e propri tentativi di truffa.

Chi è lo Spammista?

Uno spammista è l’individuo autore dei messaggi spam, invia messaggi identici (o con qualche personalizzazione) a migliaia di indirizzi e-mail.

Questi indirizzi sono spesso raccolti in maniera automatica dalla rete mediante spambot ed appositi programmi, ottenuti da database o semplicemente indovinati usando liste di nomi comuni.

Per definizione lo spam viene inviato senza il permesso del destinatario ed è un comportamento considerato inaccettabile dagli Internet Service Provider e dalla maggior parte degli utenti di Internet.

Vi consiglio di non rispondere alle e-mail di Spam in quanto per gli spammer è una conferma che l’indirizzo è valido e viene letto.

Il metodo più efficace per fermare gli spammer è di sporgere reclamo alle autorità competenti, ed in particolare – in Italia – al Garante per la protezione dei dati personali.

Questo richiede maggiori tempo ed impegno ma gli spammer vengono perseguiti a norma di legge con l’applicazione di sanzioni di elevatissimo importo.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina di Facebook.

Come inviare email Anonime senza essere rintracciati

Come inviare email Anonime senza essere rintracciati

Vuoi inviare email anonime? Bene ora ti spiego come inviare email anonime senza essere rintracciati.Come inviare email Anonime senza essere rintracciatiVuoi fare uno scherzo ai tuoi amici o ai tuoi colleghi inviando loro delle email anonime?Non bisogna essere degli agenti segreti o degli hacker per riuscirci, basta solo ricorrere all’uso di alcuni appositi servizi online totalmente gratuiti.

Grazie a questi servizi online potrai spedire dei messaggi di posta elettronica privi di mittente o con un indirizzo inventato.

Inviare email anonime può esserti utile anche per preservare il tuo indirizzo di posta elettronica principale da eventuali tentativi di phishing o spam.

I servizi in questione non richiedono registrazioni, sono facili da usare e risultano perfettamente funzionanti da qualsiasi browser Web.

Dead Fake

Il primo sito Internet che ti consiglio di visitare è Dead Fake, grazie al quale potrai inviare email anonima utilizzando un indirizzo a tua scelta come mittente.

L’unica pecca di questo servizio è che nell’email del destinatario verrà scritto che quello ricevuto è un messaggio di posta elettronica anonimo realizzato con Dead Fake.

Send Email

Un altro ottimo servizio online per mandare email anonima è Send Email, in questo caso non potrai scegliere il mittente.

Per utilizzare Send email, collegati alla sua pagina principale e compila il modulo che ti viene proposto.

Infine clicca sul pulsante a forma di freccia che si trova in basso in corrispondenza della dicitura Slide to Send e trascinalo verso destra.

Anonymouse

Un altro semplice sito Internet che puoi usare per mandare email anonima è Anonymouse.

La grafica è un po’ vecchio stile ma il servizio assolve in maniera impeccabile al compito al quale è preposto e, per di più, è facilissimo da usare.

L’unica cosa di cui tener conto è il fatto che, diversamente dalle soluzioni summenzionate, l’invio dei messaggi avviene in un momento casuale nell’arco di 12 ore per cui potrebbe non arrivare subito al destinatario.

In rete trovi altri siti interessanti e basta digitare la seguente frase su Google “Come Inviare email anonime”.
Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina Facebook.

Come nascondere Indirizzo Ip Gratis

Come nascondere Indirizzo Ip Gratis

Vuoi nascondere il tuo indirizzo IP? Se è così leggi la guida sotto e ti spiego come nascondere indirizzo Ip Gratis.

Come nascondere Indirizzo Ip Gratis

Vuoi nascondere il tuo indirizzo IP? Per risolvere il tuo problema ti basta utilizzare uno dei programmi per nascondere IP che trovi indicati qui sotto.

I software elencati qui sotto possono infatti permetterti di sostituire temporaneamente il tuo IP con un altro indirizzo in modo da poter essere anonimi.

Programmi per nascondere IP ne esistono parecchi sia per Windows che pre Mac, sia gratis che non.

Hotspot Shield

Hotspot Shield è un dei programmi per nascondere IP più famosi ed utilizzati al mondo.

Grazie ad Hotspot è possibile camuffare il proprio indirizzo IP rendendolo anonimo ed accedere a siti Internet normalmente non visibili a causa di censure e restrizioni regionali.

Hotspot non richiede alcuna configurazione ed a differenza di altre risorse simili non bisogna creare nessun account per potersene iniziare a servire.

Avira Phantom VPN

Avira, la nota software house produttrice di soluzioni antivirus per computer, ha realizzato un programma grazie al quale è possibile nascondere IP.

Avira Phatom VPN è gratis ed è disponibile sia per Windows che per Mac, è semplicissimo da usare e consente di consumare sino ad un massimo di 500MB di dati in anonimato al mese.

E’ disponibile anche la versione Pro (a pagamento) che offre alcune funzionalità aggiuntive, come ad esempio l’interruzione istantanea della connessione se viene meno la VPN.

TunnelBear

TunnelBear è invece un servizio di VPN gratuito che offre un indirizzo IP americano, del Regno Unito e di vari altri Paesi selezionabili a piacere senza che l’utente debba affrontare complicate configurazioni.

Basta creare un account gratuito sul sito del programma e si può iniziare subito a navigare in incognito.

Il software ha un’interfaccia utente chiara ed estremamente curata ed ampi limiti di traffico.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure lascia un mi piace nella nostra pagina Facebook.

Guadagnare con un blog Altervista (Articolo)

Guadagnare con un blog Altervista

Vuoi guadagnare tramite un Blog? Bè tutto questo è possibile ed ora ti spiego come guadagnare con un blog Altervista.

Guadagnare con un blog Altervista

Che cos’è un Blog?

Il blog è un diario online ma anche uno strumento per pubblicare opinioni, conoscenze e idee.

Il diario virtuale nasce come sito web dinamico e vede la sua origine nel 1997 grazie a  Dave Winer.

Il blog dà la possibilità di partecipare alla discussione tramite i commenti e questo lo differenzia dai classici siti statici.

Gli articoli postati sul nostro diario sono tutti catalogati in modo cronologico inverso (in fondo trovi i più vecchi e in alto i più recenti).

Creare un blog è una cosa estremamente semplice esistono diverse possibilità per farlo in modo gratuito e io ti consiglio di farlo tramite Altervista.

Clicca sul seguente link per visitare il sito di Altervista https://it.altervista.org

Il diario può trattare l’argomento che ti piace di piu’ e grazie ad Altervista tramite appositi banner pubblicitari puoi anche guadagnare.

Ora non mi soffermerò su come si può guadagnare ma ti guiderò passo dopo passo alla creazione del tuo Blog.

  1. Clicca sul link che ti ho riportato poco fa;
  2. Clicca su Inizia Subito;
  3. Ora devi scegliere il nome da dare al tuo Blog e quindi anche al tuo dominio;
  4. Inserisci tutti i dati che ti vengono richiesti (Nome, Cognome, Anno di Nascita, Indirizzo E-mail valido);
  5. Ora clicca sulla scritta “Non sono un Robot“;
  6. Clicca su Accetta le condizioni d’uso e le informative per la Privacy (solo dopo averle lette);
  7. Ora scegli se accettare oppure no il consenso riguardo alla Newsletter e al Marketing;
  8. Conferma cliccando su “Prosegui“;
  9. Bene ora se tutto è andato a buon fine riceverai un e-mail che ti permetterà di attivare l’account e quindi il tuo Blog.

Dopo aver attivato l’account potrai gia iniziare a postare i tuoi articoli e quindi a guadagnare tramite la Pubblicità di Altervista e Google.

Il guadagno dipenderà dalle visite che avrà il tuo sito, ti consiglio di imparare ad indicizzare al meglio il tuo Blog, in rete trovi molti articoli interessanti.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina di Facebook.

Come pulire le cartucce della stampante

Come pulire le cartucce della stampante

Se la tua cartuccia è otturata allora segui il procedimento sotto e ti spiego come pulire le cartucce della stampante.

Come pulire le cartucce della stampante

Procedimento generico per la pulizia delle cartucce

1) Ti consiglio di andare in bagno a fare questa operazione e di usare vecchi giornali o carta assorbente sul bancone del lavello.
2) Assicurati che la stampante sia collegata e che i driver della stampante siano installati sul tuo computer.
3) Apri la stampante per scoprire le cartucce d’inchiostro.
4) Estrai la cartuccia d’inchiostro nero. Questo trucco potrebbe funzionare anche per una cartuccia d’inchiostro colorato, ma probabilmente è meglio utilizzarne una nera.
5) Porta la cartuccia sul lavandino e mettila sui vecchi giornali o sulla carta assorbente. Prova a posarla un po’ di sbiego in modo che la parte da cui esce l’inchiostro non tocchi completamente il tovagliolo di carta per evitare di fare un pasticcio.
6) Apri il rubinetto e aspetta fino a quando non uscirà acqua molto calda.
7) Tira la levetta del lavello che chiude lo scarico e tiene l’acqua nel lavandino.
8) Lascia che il lavello si riempia d’acqua calda, non più di 2 centimetri dal fondo.
9) Metti la cartuccia nel lavandino in modo che la parte da cui esce l’inchiostro sia in acqua.
10) Se l’inchiostro esce immediatamente, la cartuccia non è poi così intasata.
11) Circa 5 minuti nel lavandino dovrebbero servire allo scopo. In caso contrario, potrebbe essere necessario attendere fino a 20 minuti.
12) Asciuga la cartuccia in modo che non sia più umida, reinseriscila nella stampante e fai un test di prova.

Metodo di pulizia usando l’aspirapolvere

1) Attacca il tubo all’ugello della cartuccia di stampa, colmando il divario con adesivo o plastilina.

2) Per pochi secondi alla volta, accendi l’aspirapolvere regolando l’aspirazione e lasciando la cartuccia nell’ugello verticale in posizione abbassata.

3) Ripeti il processo finché l’ugello non sia pulito.

4) Tampona l’inchiostro in eccesso con un rotolo di carta igienica.

5) Rimetti a posto la cartuccia e prova a vedere se la stampante stampa correttamente.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina Facebook.

Come capire se sei vittima di un attacco Hacker

Come capire se sei vittima di un attacco Hacker

Credi di aver subito un attacco da un Hacker? Se è così leggi qui e ti spiego come capire se sei vittima di un attacco Hacker.

Come capire se sei vittima di un attacco Hacker

Chi è un Hacker?

L’ hacker è un esperto di sistemi informatici e di sicurezza informatica in grado di introdursi in reti informatiche protette e in generale di acquisire un’approfondita conoscenza del sistema sul quale interviene.

Se pensi che il tuo computer o il tuo dispositivo elettronico possano essere stati vittima dell’attacco di un hacker, ascolta il tuo istinto e agisci velocemente.

Suggerimenti per capire se sei stato attaccato da un Hacker

1) Conosci il tuo computer e il suo funzionamento meglio di chiunque altro. Se ad un tratto inizia a comportarsi in modo strano potrebbe essere un segnale di attività di un Hacker.

Cerca in particolare questi segnali:

-Dei programmi o dei file normali adesso non si aprono o non funzionano;

-Dei file che non hai cancellato scompaiono, finiscono nel cestino o vengono eliminati;

-Non riesci ad accedere ai tuoi programmi usando la tua solita password, oppure hai scoperto che la tua password è stata cambiata;

-Noti uno o più programmi che non hai installato;

-I contenuti di uno o più file sono stati modificati e non da te;

2) Se vai su Internet e noti alcune cose un po strane, ad esempio:

-Non puoi accedere a uno o più siti perché la tua password non è corretta;

-Le tue ricerche su internet vengono reindirizzate;

-Si aprono finestre indesiderate nei tuoi browser, potrebbero aprirsi e chiudersi senza che tu faccia niente;

-Se hai acquistato un nome di dominio, potresti non ottenerlo una volta pagato;

3) Cerca altri malware e programmi dannosi. Ecco alcune delle altre cose che potrebbero capitare sul tuo computer quando sei sotto attacco:

-Falsi messaggi di virus;

-Nei tuoi browser compaiono toolbar che non hai installato;

-Sul tuo computer compaiono pop-up frequenti e casuali. Dovrai liberarti del programma che li provoca;

-Il tuo programma antimalware o antivirus non funziona e sembra inattivo.

4) Se semplicemente non hai il controllo su nessuna azione sul computer, considera seriamente la possibilità di essere sotto l’attacco di un hacker.

Cosa fare in questi casi?

Scollegati subito da internet. La cosa migliore da fare mentre continui a investigare è disconnetterti da internet ed evitare di andare online.

In questo modo, se un hacker ha davvero modo violato il tuo computer, gli avrai negato l’accesso.

Avvia il computer in modalità provvisoria. Non collegarti alla rete e usa la modalità provvisoria al prossimo avvio.

Controlla se sono presenti “nuovi programmi” (ad esempio antivirus, antispyware, ecc.) o se i programmi e file non funzionano o non si aprono.

Se trovi qualcosa, cerca di disinstallarlo.

Esegui una scansione del computer con un antivirus e un antispyware di cui ti fidi.

Se questi programmi non trovano niente, esegui il backup dei tuoi file più importanti. Poi esegui un ripristino completo di sistema e aggiorna il computer.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto oppure un like nella nostra pagina Facebook.

1 5 6 7 8 9 21